Citofono analogico o digitale, quale è meglio? Guida alla scelta

Uno dei dilemmi che si pone nell’acquisto di un nuovo citofono è se scegliere un modello analogico o digitale. Difficile scegliere se non si ha chiara la differenza. Il mercato diversi per stile e funzionalità, ma la principale categorizzazione attiene proprio a questo ‘distinguo’. Cosa differenzia un citofono analogico da uno digitale? I primi sono i citofoni ‘vecchio stampo’, che stanno per essere gradualmente soppiantati dai più moderni dispositivi digitali, caratterizzati dal cablaggio di fili (da 3 a 5) per rendere comunicante le due unità (esterna e interna). L’allestimento di questi modelli richiede interventi professionali, a differenza dell’installazione dei più moderni citofoni digitali che hanno bisogno solo una presa elettrica per funzionare, al pari di un modem di connessione e sono in grado di funzionare su piattaforme di protocolli Ip, senza bisogno di fili e cavetti, in modalità wireless.

Non c’è più bisogno di smurare, fare buchi nel muro per la creazione di passafili, è tutto molto più facile e pulito, senza contare che a guadagnarne è soprattutto la funzionalità. Fra i pro dei modelli digitali c’è anche il vantaggio di poter installare un’unità interna che dà la possibilità di utilizzare il citofono come se fosse un telefono cordless, spostandosi in piena libertà da un ambiente all’altro di casa. Ecco perché è la soluzione ideale non soltanto per case singole, ma anche per palazzine e strutture condominiali ad uso residenziale o lavorativo. Tantopiù che i citofoni wireless, grazie alle loro funzionalità digitali ‘multitasking’, possono essere gestiti anche da remoto non soltanto a fini comunicativi ma anche per monitorare se supportano l’opzione video certe situazioni delicate, come la presenza in casa di un anziano malato o di un neonato, che hanno bisogno di essere tenuti d’occhio.

A differenza dei tradizionali modelli analogici, il cui apparato è composto da un intreccio di fili ognuno dei quali dedicati a una funzione specifica come comunicare o aprire la porta, i citofoni digitali riducono al minimo la dotazione dei cavi in quanto le opzioni funzionali sono gestite da un chipset. I principali vantaggi dei modelli wireless si riassumono nell’integrazione di svariate funzionalità, non strettamente citofoniche, che spaziano dall’allarmistica alla connessione ai device digitali.