Roomba dei miei desideri e la casa brilla

Una casa bella e pulita senza dover per questo fare la fatica di passare la scopa, i panni per la polvere, lavare, asciugare e passare la cera. Un desiderio che le donne hanno potuto soddisfare a partire da quando nel 2002 la iRobot azienda americana divenuta in breve leader mondiale nel settore, ha immesso nel mercato il suo Roomba, il robot aspirapolvere, il nuovo domestico in grado di eliminare lo sporco, e la fatica femminile, riuscendo a farlo grazie ad una tecnologia via via sempre più complessa e innovativa come possiamo scoprire leggendo il sito miglioriroomba.it.

 

La robotica è quindi entrata nelle case con la sua capacità di svolgere compiti in autonomia di movimento, le sue misure “friendly” in grado di far passare il robot sotto i mobili garantendo un livello di pulizia molto più ampio, la sua innovazione tecnica costante che ha visto ad un certo punto l’aggiunta di un software e di sensori in grado di evitare il rischio di sbattere contro ostacoli come mobili, pilastri e altro, come pure il rischio di ribaltamento in presenza di tappeti di elevato spessore, di gradini e addirittura di scale.
Ma anche la presenza di filtri ha cominciato a fare la differenza come ad esempio i filtri HEPA che eliminano gli allergeni permettendo di evitare problemi per i soggetti allergici; infine nei modelli più recenti, sono stati inseriti nuovi elementi come ad esempio la tecnologia dell’Imprint Smart Mapping che permette di tracciare una planimetria della casa e della tipologia delle superfici memorizzandola per procedere conoscendo a priori le caratteristiche del luogo da pulire, ed infine provvedendo anche allo svuotamento automatico del cassetto della polvere.

 

Ma quanto può durare la batteria di un robot aspirapolvere?

Una superficie di circa 40-45 metri quadrati richiede un intervento della durata di circa un’ora; una superficie di circa 100 metri quadri ne richiede almeno un paio. L’informazione relativa alla durata della batteria è molto importante perché permette di programmare le pulizie anche stando fuori casa, per esempio al lavoro o al supermercato o al parco con i figli.